Storia

Il pilota nero che ha fatto la storia della NASCAR

Scritto da Tom | 22 ottobre 2020


Nel 1963 Wendell Scott diventò il primo afroamericano a vincere una gara NASCAR al più alto livello. Non ricevette mai un trofeo ufficiale — un incidente ancora poco chiaro nel torbido passato della NASCAR — ma la vittoria di Scott rimane un momento di svolta per lo sport che continua ancora oggi ad affrontare accuse di razzismo e segregazione. Per contribuire al Mese della storia dei neri, ci siamo tuffati nel mondo delle auto d’epoca ed esaminato l’impatto duraturo della storia di questo pilota che ha cambiato in meglio l’automobilismo sportivo


Era il 1° dicembre 1963 quando Wendell Scott arrivò allo Speedway Park di Jacksonville, Florida. Aveva gareggiato per due anni al massimo livello della NASCAR, ottenendo anche il maggior numero di punti per un pilota esordiente nella stagione 1961 (benché fosse ancora ignorato per il premio di miglior esordiente). Sulla carta si trattava di un’altra gara della Grand National Series, ma gli Stati Uniti erano nel bel mezzo dell’elaborazione di un evento traumatico. Poco più di una settimana prima, il 22 novembre, il presidente John F. Kennedy era stato assassinato. 


Si stava scrivendo la storia dell’America e l’arrivo di Wendell Scott all’ippodromo stava per aggiungere un’altra pagina a quel libro. Tagliò il traguardo al primo posto, vincendo per due giri e diventando il primo pilota nero a vincere una gara NASCAR. O almeno così pensava. Anche se Scott aveva terminato in pole position, Buck Baker, che in realtà era arrivato secondo, fu annunciato come vincitore. Perché Scott non vinse il titolo? 



Wendell Scott vinse la gara ma all’epoca Buck Baker, il secondo classificato, fu premiato al primo posto.

Il contesto dei diritti civili


Non era un segreto che nella NASCAR, uno sport particolarmente importante negli stati americani meridionali, ci fosse un problema di discriminazione razziale. I piloti erano bianchi, l’organizzazione era bianca e i tifosi erano, per la maggior parte, bianchi. Infatti, la bandiera confederata – associata a vari livelli con il razzismo e la schiavitù – si vedeva spesso alle gare della NASCAR e le folle erano segregate dal punto di vista razziale. Niente di tutto questo creava un’atmosfera solidale per un aspirante pilota nero. 


Eppure l’anno in cui Scott vinse fu significativo per i grandi cambiamenti che stavano avvenendo in America. Oltre all’assassinio di JFK, era un anno importante per i diritti civili. Martin Luther King aveva consegnato la sua lettera aperta “Lettera dalla prigione di Birmingham”, che descriveva il dovere dell’uomo di combattere e infrangere le leggi ingiuste piuttosto che aspettare che le cose cambiassero miracolosamente, e aveva tenuto il suo storico discorso “I Have a Dream” alla Marcia su Washington. Questi momenti preannunciavano un’America in trasformazione e il motivo per cui l’inclusione di Scott nella NASCAR era importante non solo per ragioni competitive. 


Entrare in pista


Entrare nel giro di questo sport non era facile, ma la reputazione di Scott nella sua città natale di Danville (Virginia) – una delle piste dei circuiti regionali NASCAR – gli fu di grande aiuto. Così come il suo passato. Prima di entrare nelle corse NASCAR, Scott aveva lavorato come meccanico e in precedenza aveva prestato servizio nell’esercito. In seguito aveva aperto una propria officina di riparazione auto, lavorando anche come fattorino illegale per il whisky di contrabbando. 


La NASCAR e i liquori di contrabbando avevano una lunga storia anche allora, con le origini delle corse di auto legate al contrabbando nell’era del Proibizionismo, quando i contrabbandieri usavano auto veloci e modificate per sfuggire agli agenti federali. Persino dopo la fine del proibizionismo i liquori di contrabbando erano rimasti popolari, in particolare nelle secche contee degli stati del sud. I contrabbandieri con auto veloci erano ancora molto richiesti: i produttori di liquori cercavano di evitare le tasse federali sull’alcol arruolando i conducenti con auto veloci che riuscivano a non farsi beccare. 



Scott si era fatto un nome mentre contrabbandava per i venditori di whisky clandestini

Essendo un pilota appassionato che non poteva partecipare ufficialmente alla NASCAR perché nero, per Scott le corse clandestine erano una scusa per mettersi al volante. La sua abilità e la sua velocità, tuttavia, lo resero rapidamente un personaggio famoso all’interno della comunità. 


Mentre Scott si stava costruendo una reputazione e partecipava alle gare negli stand segregati, la NASCAR cercava di trovare un modo per incoraggiare una maggiore affluenza di pubblico nel suo circuito di Danville. I promotori, interessati a creare un po’ di intrighi, si rivolsero a Scott. Il piano era di lasciar guidare un uomo afroamericano come espediente di marketing. Nel 1952 Scott divenne il primo pilota nero impiegato dall’associazione sportiva e dimostrò rapidamente di appartenere a una categoria tutta sua. 


Competere per abbattere i pregiudizi


Ad un certo punto, le abilità e il successo di Scott in numerose gare lo portarono a ottenere la licenza per competere nel 1953. Ma incontrava ancora l’opposizione dei funzionari che gli vietavano l’ingresso in quanto nero. 

Aveva rapidamente imparato a mettere in mostra la sua magistrale conoscenza della meccanica e della guida su pista, ma fuori dall’abitacolo doveva ancora sviluppare una pelle dura per sopravvivere ai commenti (e non solo) al vetriolo che riceveva. Nella sua gara d’esordio, la folla gli lanciò insulti e a volte anche oggetti. Era anche risaputo che portasse una pistola sotto il sedile anteriore, poiché molti piloti minacciavano di distruggere lui e la sua auto dentro e fuori dalla pista. Come scrive Patrick Jennings della BBC nel suo profilo su Scott e la sua eredità, Scott aveva affrontato ostacoli che altri piloti non si sognavano neanche, a causa del colore della sua pelle.


In una gara le gomme di Scott vennero tagliate prima di arrivare alla griglia di partenza. In un’altra ancora, fu lanciato un petardo contro suo figlio Wendell Jr, che rimase ferito. Riceveva anche minacce di morte. A Birmingham, in Alabama, gli era stato discretamente consigliato di allontanarsi in fretta perché era in arrivo una folla violenta. Una pista a Darlington, nella Carolina del Sud, si rifiutava di farlo gareggiare, ogni anno.



Scott faceva parte della Black American Racers Association, che contribuiva a sostenere gli individui di colore nel settore delle corse. Wikimedia Commons.


Lo stesso circuito di Darlington riuscì a escluderlo anche dopo l’approvazione della legge sui diritti civili del 1964, sostenendo che il suo veicolo doveva essere sottoposto a ispezioni tecniche dell’ultimo minuto, costringendolo alla fine a rinunciare alla partecipazione. 


L’eredità di una carriera


Eppure, durante gli anni ‘60, l’ostinata determinazione di Scott gli assicurò una tifoseria adorante. Gli spettatori conoscevano l’atmosfera sociale della NASCAR e capivano cosa questo significasse per un pilota nero. Il talento e la perseveranza di Scott gli fecero guadagnare un posto nel cuore dei fan. 


Tuttavia, i tifosi non erano necessariamente l’unico sostegno di cui Scott aveva bisogno. Gli sponsor, di solito grandi marchi e aziende, erano e sono tuttora parte integrante della NASCAR, fornendo ai piloti le risorse e i fondi per allenarsi e competere. Eppure la maggior parte degli sponsor si rifiutava di finanziare Scott, probabilmente per paura delle potenziali conseguenze di avere un portavoce nero. Scott era in svantaggio. 


Warrick Scott, il nipote di Wendell Scott, racconta che la storia di suo nonno diventava sempre più triste. Il punto di rottura fu la gara del 1973 in Alabama. L’auto per la quale aveva rinnovato l’ipoteca sulla sua casa fu distrutta in un incidente, mentre lui subì gravi lesioni. Scott avrebbe gareggiato ancora una volta in quella stagione, ma sarebbe stata anche l’ultima. 



Solo dopo la sua morte Scott è stato veramente apprezzato per i suoi successi.

13 anni dopo, Scott è morto di cancro alla colonna vertebrale. Alla fine, dopo la morte, ha ricevuto il riconoscimento che meritava da tempo. Per il suo record di guida, avendo partecipato in quasi 500 gare e ottenuto un piazzamento nella top-ten per 147 volte, e per aver perseverato di fronte alla discriminazione, è stato inserito nella NASCAR Hall of Fame nel 2015.


In quasi 50 anni da quella gara del 1973, la famiglia Scott non ha ancora visto materialmente il trofeo assegnato erroneamente a Buck Baker. Nel 2010 è stata creata una replica del trofeo, anche se l’originale non è mai stato trovato. La ricerca continua, ma l’eredità di Wendell Scott non è definita da quella volta che è arrivato primo in pista: sarà ricordato per la prima volta che ha messo il piede sul pedale e ha cambiato uno sport per sempre. 


____________________

Risveglia il pilota che è dentro di te con le nostre aste di automobilia e auto d’epoca oppure registrati come venditore su Catawiki.


Scopri altre auto d’epoca | auto e moto memorabilia


Potrebbero interessarti anche:


Quella volta che Alfa Romeo ha costruito un disco volante

La storia di Pininfarina in tre auto

Ferrari e la storia di come il cavallino rampante ha raggiunto la vetta

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito