Guide e suggerimenti

Alla scoperta dei garagisti: il culto del vino francese

Scritto da Tom | 9 ottobre 2020


Negli anni ‘90 un gruppo di viticoltori di Bordeaux hanno voltato le spalle a quelle che percepivano come regole soffocanti dell’industria vinicola. Questi produttori indipendenti ricorrevano a una produzione su piccola scala – abbastanza piccola da entrare in un garage. Chiamati beffardamente i “garagisti” dalle istituzioni tradizionali, i loro vini sono diventati noti come “vini da garage” o “vins de garage” in francese. Eppure questi vini sono stati acclamati dalla critica, creando una specie di movimento di culto. Abbiamo chiesto all’esperta di vini, Patricia Verschelling, di raccontarci qualcosa in più di questi ribelli del vino.


Chi erano i garagisti?

 


I garagisti erano un gruppo di viticoltori di Bordeaux che hanno avviato il loro movimento sulla Riva Destra nei primi anni ‘90. Il famoso vino di Château Le Pin era considerato il tipico esempio che incarnava al meglio l’idea dei vini da garage, benché Le Pin non aveva mai avuto l’intenzione di ricevere questa etichetta. 



I viticoltori di Saint-Émilion sono stati i primi a iniziare a produrre vini da garage

I viticoltori Château de Valandraud (Jean-Luc Thunevin, l’enfant terrible di Saint-Emilion e padrino del movimento dei vini da garage), Chateau Tertre-Roteboeuf, La Mondotte, Le Dôme, Château Rol Valentin, La Gomerie e Quinault l’Enclos si sono tutti guadagnati lo status di produttori di vini da garage di alta qualità (e prezzo) in piccolissime quantità. Il movimento dei garagisti ha anche raggiunto regioni del vino di altre parti del mondo, inclusa la Regione dei Vino della California negli Stati Uniti.


Cos’è un vino da garage e perché questo nome?


I vini da garage sono corposi e di alta qualità con colori intensi e spesso aromi di invecchiamento in quercia. Sono prodotti in quantità molto limitate da piccole cantine e di solito raggiungono la maturazione leggermente prima rispetto ai vini più convenzionali. Le rese sono basse, in quanto le uve sono accuratamente selezionate e vengono utilizzate tecniche di vinificazione ultramoderne. Per questo si diceva che la produzione limitata sarebbe potuta entrare in un garage, da qui il nome di “vino da garage”.


Si dice che questi vini abbiano una sorta di seguito di cultori, come mai?

 


Come accennato prima, Le Pin è stato l’esempio principale per molti garagisti. Qualche accenno di storia su Le Pin: acquistata nel 1979 dalla famiglia Thienpont belga. All’epoca aveva appena un ettaro di vigneto con un piccolo impianto di vinificazione che assomigliava a un garage. Il loro nuovo approccio di produzione di vini pregiati era molto diverso dai vini di alta qualità già esistenti prodotti dai famosi Chateaux di Médoc, Pomerol e Saint-Emilion. Questo nuovo stile fu accolto dagli amanti del vino e aumentò la domanda negli anni ‘80, facendo lievitare massicciamente i prezzi di Le Pin. 



Questi vini si sono guadagnati lo status di vini di culto grazie alla scarsa offerta e l’elevata domanda

Un’altra figura di spicco che ha contribuito a creare un seguito di culto per questi vini è Jean-Luc Thunevin, che ha acquistato il suo Chateau de Valandraud con meno di un ettaro di vigneto nel 1989. È stato un successo fin dalla prima annata. Nel 1991 ha prodotto solo 100 casse, tutte vendute rapidamente. I critici del vino come Robert Parker erano estremamente positivi nelle loro recensioni, il che contribuiva ad aumentare ulteriormente la richiesta dei vini da garage.


I vini hanno caratteristiche precise?


I vini da garage all’inizio erano solo vini rossi. Basse rese, produzione limitata e vinificazione di alta precisione sono le caratteristiche chiave dei vini da garage. Al gusto sono un’esplosione di frutta pura, corposi, invecchiamento in legno di quercia chiaro, acidità più morbida grazie alla fermentazione malolattica.


Sono popolari ancora oggi e sono validi investimenti?

 


Sono popolari ancora oggi, ma il clamore dei primi anni ‘90 e 2000 è ormai passato. Credo che questo movimento abbia portato nuova energia alla regione classica di Bordeaux con le sue numerose e severe regole imposte dalla AOC (Appellation d’origine contrôlée, un certificato d’origine francese). Ha aperto diverse prospettive su come produrre vini di qualità. A Bordeaux si producono molti vini di basso valore e non è facile vendere quei vini perché la concorrenza è agguerrita. Ci sono alcune piccole aziende che si concentrano su come poter implementare gli insegnamenti del movimento dei vini da garage nelle loro produzioni, per creare un’attività più sostenibile.



Il clamore suscitato dai vini è passato, ma sono ancora ricercati da appassionati collezionisti di vino

Esistono altri movimenti vinicoli paragonabili a quello dei garagisti?

 


Non posso fare a meno di vedere una certa somiglianza tra il movimento dei vini da garage e i Super tuscan in Italia. In toscana, sono nati i Super tuscan perché i viticoltori volevano produrre vini di fascia alta coltivando Cabernet Sauvignon e Merlot nei loro vigneti, nonostante questo non fosse consentito dalle regole del DOC all’epoca. Hanno piantato le viti comunque e declassificato i vini prodotti da queste uve. 


A Bordeaux i vini di alta gamma sono di solito prodotti da grandi chateaux con enormi risorse e sono principalmente di terroir. Le micro aziende vinicole, come i garagisti, volevano produrre vini di alta qualità in quantità molto limitate, con un’enfasi particolare sull’aspetto della vinificazione di precisione. Sia i Super tuscan che i garagisti sono diventati un culto perché hanno avuto il coraggio di essere diversi e si sono fidati pienamente della loro capacità di produrre vini fantastici.


 ____________________

Trova la tua bottiglia indipendente nelle nostre speciali aste di vini oppure registrati come venditore su Catawiki. 


Scopri altri vini | vini Bordeaux Grand Cru Classé e Pomerol 


Potresti trovare interessanti anche questi articoli:


Perché dovresti tenere d’occhio il vino tedesco


La storia segreta del vino austriaco


Tutto ciò che devi sapere sul vino biologico


Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!