Storia

Una degustazione della cultura del bere degli Antichi Greci

Scritto da Tom | September 30, 2020


Questo potrebbe non essere l'anno giusto per celebrare, ma tanto tempo fa le festivities esistevano davvero - anche se sembra passata una vita. Infatti, le celebrazioni, e l'atmosfera di ebbrezza che le accompagna, fanno parte della vita quotidiana da migliaia di anni. Le antiche culture del mondo avevano un debole per gli incontri a base di bevute e un po 'di dissolutezza. Abbiamo chiesto all'esperto di archeologia , Peter Reynaers, di aiutarci a esplorare la cultura dell'ebbrezza e dei festeggiamenti dell'Antica Grecia tramite alcuni manufatti sopravvissuti al tempo. 


Quando si studiano le culture antiche, è facile dimenticare che le celebrazioni erano una parte importante della loro vita quotidiana. Dopotutto, nel nostro immaginario, gli antichi greci sono noti per la loro filosofia e il loro interest per il divino. 



Questa kylix è stata dipinta con gli dei dell'allegria e delle festivities.

Tuttavia, secondo Peter, ci sono meno informazioni sulle loro tendenze più edonistiche. «Prendiamo ad esempio i rituali come i Misteri dionisiaci nell’Antica Grecia. Un culto che segue il dio della vendemmia – Dioniso o Bacco – dove chi vi partecipa beve fino ad abbandonarsi completamente, per così dire, come un modo per lasciarsi possedere dal dio». Un altro rituale in Grecia, noto con il nome di Misteri Eleusiniani, celebrava la storia di Demetra e Persefone, in parte bevendo kykeon, una bevanda che per questa cerimonia veniva realizzata con un fungo contenente proprietà psicoattive. Lo scopo era accrescere l’esperienza della vita e superare la paura della morte. 


Anche se alcuni rituali erano riservati a pochi eletti, altri manufatti dimostrano che le feste non erano affatto eventi per pochi intimi. 


Le kylix e i kottabos


Nessuna festa può essere un successo senza il giusto recipiente per bere e, in alcuni casi, il giusto gioco. Se negli anni ‘90 i bambini avevano “il gioco della bottiglia”, gli Antichi Greci avevano il Kottabos (κότταβος in greco antico). Per giocare, c’era bisgno di una kylix. «La kylix è una coppa a fasce, o coppa da vino, del VI secolo a.e.v.» spiega Peter. «Questi vasi erano dipinti in nero su rosso – una tecnica comune tra il VII e il V secolo a.e.v., che ha dato origine a un numero significativo di artisti ben identificabili. Erano decorati con Satiri e Menadi, seguaci del Dio Dioniso: il dio dell’ebbrezza e delle feste». 




Per il gioco del Kottabos, le regole erano piuttosto semplici. «Bisognava solo gettare gli ultimi residui di vino da una coppa su un bersaglio, di solito un disco metallico montato su un grande supporto in modo che il disco oscillasse o un piatto che galleggiava nel vino fino ad affondare» spiega Peter. I vincitori ricevevano probabilmente un’altra bevanda. Tuttavia, in realtà, il premio al giorno d’oggi è trovare una coppa in buone condizioni. «La forma è ciò che contraddistingue le kylix. Gli archeologi spesso le trovano con le maniglie rotte proprio perché venivano usate in questo gioco». 


Il cratere

 

Gli Antichi Greci avevano anche una parola diversa per descrivere le feste. Queste erano infatti note col nome di simposi (festa con bevande), o simposio al singolare. In ogni simposio potevi star certo di trovare un recipiente per bere noto come “cratere”. «Il termine “cratere” richiama un contenitore per mescolare e può essere comparato alla parola greca kerannumi, che significa “mescolare”. Sappiamo che il vino servito al simposio veniva mescolato con acqua perché il vino non diluito era considerato troppo pesante e barbaro». Questo la dice lunga sull’opinione dei Greci sui Romani e la loro cultura del bere, visto che questi ultimi erano noti per bere vino non diluito. I greci avevano persino un sistema di diluizione preciso, determinato dal tipo di occasione. Per conversazioni più lunghe e significative, si mescolavano vino e acqua in proporzione di 1:3. Per momenti più vivaci diventava 1:2 e, se l’intenzione era ubriacarsi, 1:1. Quest’ultima, tuttavia, era molto disapprovato. 



I crateri riportavano spesso disegni con scene di simposio.

Le testimonianze suggeriscono che i crateri erano collocati al centro della festa, in modo che tutti potessero accedervi. In quanto recipienti di grandi dimensioni, diventavano pesanti man mano che si riempivano, quindi aveva senso far sì che i festaioli inebriati potessero raggiungerli facilmente. «In ogni simposio c’era un partecipante che veniva nominato per determinare la proporzione tra vino e acqua» spiega Peter. «Doveva anche decidere in che momento questa poteva cambiare man mano che la festa avanzava e quanto spesso le persone dovevano riempire i bicchieri. Questo compito era una bella responsabilità, perché bisognava assicurarsi che la festa non degenerasse in un caos di ubriachi». 



I crateri venivano posizionati al centro della stanza per essere più accessibili.

La maggior parte dei crateri aveva un disegno specifico, il che ci dà un’idea precisa di quanto profondamente gli Antichi Greci apprezzassero le celebrazioni. Gli archeologi li hanno scoperti nei luoghi di sepoltura in tutto il Mediterraneo, a volte usati come contenitori per i defunti. Anche nella tomba, la festa continua. «La maggior parte dei vasi erano decorati con scene da simposio, come questo che raffigura una scena di Komos – con persone in atmosfera di ebbrezza dopo un simposio» dice Peter. «Scoprire oggetti come questi ci aiuta a capire perché l’antichità a volte è migliore del presente. È una fonte inesauribile di ispirazione e di lezioni su come vivere, anche quando meno te lo aspetti». 


____________________


Brinda agli Antichi Greci con un bicchiere delle nostre aste di archeologia oppure registrati come venditore.


Scopri altra archeologia e storia naturale | reperti archeologici


Potrebbero interessarti anche:


Storie appassionanti: stranezza e fascino con l’arte dell’Oceania di Ulrich Kortmann


Perché l’egittologia è più popolare che mai


La storia degli smeraldi con tre donne iconiche

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!