Guide e suggerimenti

Una guida rapida alle stampe xilografiche giapponesi

Scritto da Tom | 2 luglio 2020


Il Giappone vanta da tempo una lunga tradizione di raffinatezza artistica e probabilmente nessun mezzo di comunicazione può trasmettere questo concetto più delle sue xilografie. Queste stampe xilografiche spesso ritraggono scene di natura e piacere, magistralmente realizzate da artigiani. Per rendere omaggio alle nostre aste settimanali di xilografie, abbiamo chiesto all’esperto di arte asiatica , Giovanni Bottero, di raccontarci la storia di questa raffinata forma d’arte. 


Cos’è l’ukiyo-e?

 

Ukiyo-e — che letteralmente si traduce come “immagini del mondo fluttuante” — è un genere che racchiude un’ampia gamma di tecniche, supporti e soggetti che ruotano attorno alla vita idealizzata nei quartieri del teatro e del piacere del periodo Edo (1600-1868). Nel XVII secolo la fiorente borghesia delle grandi città (come Edo e Osaka) iniziò ad adottare il termine “mondo fluttuante”. Si trattava originariamente di un’espressione buddhista intesa come monito contro la fugace caducità della vita, ma il suo significato si trasformò presto nel costante godimento dei piaceri della vita (cittadina). 


Quali sono le differenti tecniche in gioco nella stampa xilografica?


Gli artisti ukiyo-e erano abili pittori e illustratori di libri, ma fu grazie alla xilografia (che raggiungeva alti livelli di sofisticazione tecnica) che riuscirono a creare le più iconiche “immagini del mondo fluttuante”. Quando teniamo in mano un nishiki-e (letteralmente “immagini di broccato”), una xilografia policroma realizzata dopo il 1765, possiamo veramente apprezzare il “prodotto finito” di un lavoro di squadra perfettamente coordinato. 



Tempio Zojoji, Shiba, pubblicato da Watanabe - Kawase Hasui


La realizzazione di una di queste stampe comporta: la maestria dell’artista che disegna la stampa, la bravura dell’intagliatore che deve scolpire ogni linea in un blocco di legno di ciliegio e la mano dello stampatore che ricrea la luce soffusa del tramonto applicando una pressione variabile alla carta (una tecnica di sfumatura nota come bokashi). Infine c’è l’editore, che intraprende la rischiosa impresa di finanziare la pubblicazione di una serie di stampe che glorificano attori e cortigiane, pubblicizzando così il glamour del “mondo fluttuante”.


Quali sono le scene più raffigurate (ad esempio paesaggi, nature morte)?

 

Le xilografie giapponesi sono caratterizzate da una grandissima varietà di temi e generi, disegni e colori, invenzioni e arguzia... ed è proprio questo che i collezionisti e gli appassionati adorano. Che si tratti di figure storiche, azione, avventura, sesso (da sottili allusioni a immagini piuttosto esplicite), paesaggi, attori, demoni, eroi e cattivi, le stampe xilografiche giapponesi sanno sempre sorprendere e sedurre. 


Quali sono i diversi tipi di stampe xilografiche?


Opere di maestri come Kitagawa Utamaro, Katsushika Hokusai e Utagawa Hiroshige saranno sempre ricercate ma anche le shin-hanga (nuove stampe) del XX secolo sono molto popola. In termini di genere, le shunga (letteralmente “pittura della primavera”) o le immagini erotiche sono forse tra le più popolari. La grande maggioranza degli artisti disegnava immagini erotiche. Tuttavia, a causa della censura, molte di queste opere non erano firmate e, quindi, meno comuni o pubblicizzate. Probabilmente è proprio la loro natura proibita che aggiunge una dose di eccitazione (il gioco di parole non è voluto...) al collezionismo di shunga.


Questo tipo di stampa è una bijinga (immagine di una bella donna) di Yoshitoshi


Come furono accolte queste stampe nel Giappone del periodo Edo?


Gli acquirenti amavano il fatto di poter sperimentare indirettamente la bellezza del Giappone attraverso le stampe. Potevano anche fantasticare sulle cortigiane più rinomate o sui popolari attori kabuki. Ma soprattutto, erano opere per tutte le tasche: la maggior parte delle stampe erano prodotte in serie e vendute nelle librerie di strada al prezzo di un pasto. 


Questo mondo idealizzato di piaceri che veniva venduto all’emergente borghesia Edo preoccupava lo shogunato (governo militare). Più volte era stata proibita la pubblicazione di stampe erotiche, stampe teatrali che glorificavano gli attori stravaganti e quelle che ironicamente prendevano in giro la classe dei samurai. Molti artisti, imperterriti, avevano trovato modi creativi per aggirare questi divieti (i volti estremamente riconoscibili degli attori furono addirittura incollati su tartarughe in una stampa di Kuniyoshi). 


Qual è stata l’influenza di queste stampe sull’arte occidentale?


Le xilografie giapponesi ebbero un grande impatto sugli artisti europei, soprattutto durante l’epoca del Giapponismo (lo studio e l’influenza dell’arte giapponese). Molti importanti artisti europei erano davvero innamorati dell’ukiyo-e. Si dice che Claude Monet, ad esempio, avesse una collezione di 231 stampe e avesse partecipato alla “corsa” per essere accreditato come “scopritore” delle stampe giapponesi. 



Questa è una stampa di Koson, intitolata “Three Salmons”


Tra gli artisti occidentali influenzati dall’ukiyo-e ci sono molti impressionisti, come Edgar Degas, Vincent Van Gogh e Camille Pissarro. Alcuni esempi si possono ritrovare in dipinti come “La Japonaise” di Monet e “The Princess From the Land of Porcelain” di James Whistler, che ritraevano il fascino esercitato dall’Oriente sul mondo occidentale. 


L’ukiyo-e ha giocato un ruolo importante nell’arte giapponese. È una tecnica rimasta sempre popolare e come si è evoluta?

 

Le stampe ukiyo-e erano prodotte in serie prima dell’introduzione della fotografia, che era il modo più veloce per riprodurre la realtà. Gli artisti ukiyo-e del tardo periodo Meiji (1868-1912) spesso disegnavano stampe per giornali che illustravano eventi dell’epoca (frequentemente omicidi). Quando prese piede la fotografia, però, l’ukiyo-e perse molto del suo fascino. 


“Zentsû Temple in Sanuki Province” di Watanabe


Tuttavia, la stampa xilografica e le sue tecniche furono riprese dal movimento shin-hanga, che ebbe inizio attorno al 1915, grazie all’editore Watanabe Shozaburo. Circa nello stesso periodo, un altro movimento chiamato sosaku hanga (letteralmente “stampe creative”) contribuì ad aumentare la popolarità delle xilografie. Questo movimento, tuttavia, si ispirava alle tradizioni occidentali e sottolineava la creatività individuale: le stampe dovevano essere “disegnate, incise, stampate autonomamente”, rinnegando così la tradizionale divisione del lavoro tra l’artista, l’intagliatore e lo stampatore.


Le stampe con matrici in legno sono popolari ancora oggi?

  

Considerando che la storia del collezionismo di xilografie giapponesi in Occidente è iniziata nella seconda metà del XIX secolo, è notevole che la popolarità di questa arte non sia diminuita in oltre 140 anni, né in Occidente né in Oriente. Negli anni la popolarità del shin hanga e sosaku hanga è aumentata significativamente, quasi eguagliando quella dei capolavori più datati. 



“A Group of Herons in Snow” di Ohara Koson


Molti disegni iconici, come la “Great Wave” di Hokusai, sono ampiamente conosciuti nel mondo del collezionismo, ma è difficile dire quante incisioni siano state realizzate di altri disegni meno conosciuti. Ciò significa che i collezionisti hanno sempre la speranza di scoprire una nuova stampa e questo mantiene viva la loro passione.


____________________


Esplora la nostra selezione di xilografie giapponesi nella nostra asta settimanale oppure registrati come venditore.


Scopri altre xilografie giapponesi | antiquariato asiatico


Potrebbero interessarti anche:


Il Buddha che è diventato un idolo del genere non-binario


Le posizioni di Buddha: Il significato delle mani nelle statue di Buddha


L’antica arte dei bonsai: coltivando l’estetica giapponese



Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!