Storia

La storia segreta del vino austriaco

Scritto da Tom | 15 maggio 2020


Chiedi a una persona qualunque di nominare un’antica cultura europea del vino e probabilmente riceverai come risposta Italia, Francia o Spagna, ma forse non sai che uno dei loro vicini più a est è altrettanto operoso. L’Austria – spesso più conosciuta per il caffè e le torte – produce vino da oltre mille anni, ma spesso si nasconde all’ombra dei paesi che la circondano. Eppure ha una gamma di vini bianchi e rossi di livello mondiale, una viticoltura interessante segnata dalla guerra e dagli scandali, nonché una capitale con più vigneti di ogni altra. Quindi siamo andati a scoprire la cultura del vino segreta di questa nazione alpina. 


Per un paese la cui industria vinicola è stata valutata a più di 170 milioni di euro nel 2019, è incredibile che i vini austriaci passino spesso così inosservati. Gli esperti e gli appassionati di vino cominciano ad apprezzare e promuovere questo fiorente mercato mitteleuropeo, ma la strada dell’Austria per arrivare sin qui è stata molto lunga. 


Storia antica


Si dice che la prima apparizione del vino in Austria sia avvenuta intorno al 700 a.C. quando furono trovati semi d’uva nelle urne di Zagersdorf. Era un’epoca in cui regnavano i Celti e più tardi i Romani. La viticoltura fiorì soprattutto sotto i Romani quando un imperatore, Marco Aurelio Probo, revocò il divieto di coltivazione dell’uva a nord delle Alpi. Fu in questo periodo che nacque il Gruener Veltliner – oggi l’uva alla base di uno dei vini austriaci di punta, che viene coltivata in oltre il 35% dei vigneti del paese. 


La Gruener Veltliner è una delle uve più popolari in Austria, un tempo coltivata nel 35% dei vigneti del paese


L’Austria e i suoi guai con il vino iniziarono alla caduta dell’Impero Romano, con i gruppi di invasori che devastavano la terra. Nel 788, con un decreto di Carlo Magno, furono ricostruiti i vigneti e furono introdotti nuovi torchi per far sì che la cultura del vino austriaca trovasse di nuovo la sua strada. Qualche centinaio di anni dopo la chiesa si unì al movimento, incoraggiando la viticoltura tra la popolazione – sia per scopi sacramentali, sia perché si trattava di un bevanda più sicura dell’acqua. Nel XIV secolo erano già stati creati i primi vigneti e Vienna era il centro del commercio del vino sul Danubio. 


I confini della guerra


Una delle tante peculiarità della storia vitivinicola austriaca è la misura in cui la guerra ha contribuito a dare forma al vino e ai sapori di questa terra. Ad un certo momento, nel XVI secolo, gli ettari dedicati ai vigneti nel paese erano 170.000 – tre volte rispetto ad oggi. Tuttavia, la guerra dei trent’anni nel XVII secolo e le successive invasioni degli eserciti turchi segnarono la fine di questa epoca d’oro. 


Arrivato il XIX secolo, arrivò anche un altro tipo di invasori: quelli biologici. Malattie fungine come la peronospora e l’oidio si diffusero nei vigneti e rovinarono gran parte del raccolto. Un risultato positivo fu l’introduzione della prima scuola enologica austriaca a Klosterneuburg, che in seguito avrebbe contribuito a forgiare la cultura del vino in Austria. L’impatto di questa istituzione fu però offuscato dall’epidemia di fillossera che colpì nel 1872, distruggendo la maggior parte dei vigneti dell’Europa centrale e il 25% dell’uva austriaca. 



La prima scuola enologica austriaca fu istituita a Klosterneuburg, patria di molti vigneti come si vede sopra


Non andò molto meglio nel XX secolo. Dopo la prima guerra mondiale e la caduta dell’Impero austro-ungarico, i confini dell’Austria furono rivisti. Questo comportò un’enorme perdita in termini di regioni vinicole, passando da 50.000 ettari di vigneti a 18.000. La seconda guerra mondiale con l’ascesa (e la caduta) della Germania nazista fece sì che i confini dell’Austria subissero un’altra revisione, in seguito ulteriormente ridisegnati quando l’Unione Sovietica sostanzialmente trascinò recinzioni metalliche attraverso i vigneti per segnare i confini dello stato. 


La curiosità forse più interessante per gli appassionati di vino è come questo abbia influenzato il terroir del vino austriaco, che dipende dalla collaborazione di viticoltori stranieri. Il Welschriesling di Gamser può essere degustato da entrambi i lati del confine austro-sloveno, mentre il Blaufränkisch ha una controparte ungherese a Kékfranko ed è anche un vino prodotto in stretta collaborazione con i viticoltori slovacchi. Questo accade per gentile concessione di un sistema insolito chiamato “Historischer Doppelbesitz”, che permette di utilizzare l’uva da entrambi i lati del confine per il vino austriaco.


Lo scandalo “antigelo”


Tra una guerra e l’altra, c’era comunque spazio per festeggiare. Ad un certo punto del XX secolo l’Austria rappresentava il terzo produttore di vino al mondo. Contava molto sulle esportazioni verso la Germania e i vini come il Blaufränkisch e Zweigelt erano i protagonisti del settore.


 Blaufränkisch e Zweigelt sono due dei rossi più popolari in Austria


Ma poi scoppiò lo scandalo. I vini austriaci, a differenza di molti altri vini internazionali, erano classificati in base alla loro dolcezza. Nel 1985, un piccolo gruppo di commercianti di vini iniziò ad aggiungere glicole dietilenico (un ingrediente dell’antigelo) per simulare la dolcezza nel vino, nel tentativo di soddisfare la domanda e mantenere alta il concetto di qualità. La loro mossa apparentemente astuta si dimostrò rapidamente infruttuosa quando uno di loro cercò di recuperare il costo dell’antigelo sulla dichiarazione dei redditi. Questi produttori furono rapidamente incriminati e, benché non fosse morto nessuno, l’industria vinicola austriaca ne soffrì pesantemente. I paesi vietarono in toto i vini e le esportazioni crollarono. A peggiorare le cose, un anno dopo morirono 20 persone in Italia a causa del vino adulterato. La triste ironia è che l’industria vinicola italiana, in qualche modo, ne uscì indenne. 


Cultura Heuriger


Arriviamo rapidamente al XXI secolo: il vino austriaco sta tornando alla ribalta. Dopo lo scandalo, nella legislazione austriaca sono state scritte le leggi sulla produzione vinicola più severe d’Europa. Lo scandalo, seppur inizialmente terribile, con il senno di poi viene visto in generale come un bene per il vino austriaco, poiché ha contribuito a ridare energia ai produttori per concentrarsi sui bianchi di qualità più secchi come i Veltliner, scatenando un boom della domanda. 



Gli heuriger sono simili ai keller tedeschi, tranne per il fatto che qui puoi trovare freschi bianchi piuttosto che spumose birre


Ma la popolarità del moderno vino austriaco ha tanto a che fare anche con le tradizioni di lunga data. La cultura del vino è spesso incentrata sullo sfarzo del rito (le degustazioni di vino e le cantine sono fuori dalla portata della maggior parte delle persone) ed è per questo che la cultura austriaca degli heuriger rappresenta un fresco vento di cambiamento. Gli heuriger sono i lontani cugini dei keller tedeschi e sono delle semplici e accoglienti osterie che producono un vino proprio, spesso proveniente dai loro vigneti. La parola “heuriger” deriva da “heuer” che significa “quest’anno” in dialetto austriaco, quindi “heuriger wein” significa in effetti semplicemente “vino di quest’anno”.  



Vienna ospita più vigneti di qualsiasi altra città al mondo


Un caposaldo dell’Austria orientale, gli heuriger si trovano in tutte le valli del paese e nei villaggi sonnacchiosi, ma è nella capitale che le taverne risplendono da tempo. Vienna ospita più vigneti di qualsiasi altra città al mondo ed è l’unica capitale che ospita questi vigneti all’interno dei suoi confini. Si tratta di arrampicarsi in mezzo a tralicci di rose prima di raggiungere i tavoli da picnic – che scricchiolano sotto brocche di Veltliner ghiacciato, caraffe di Zweigelt ed un assortimento di affettati misti – per godere di alcuni dei panorami più incontaminati della città. Avvolti da filari di vite, gli heuriger sono un idillio lontano dalla torrida storia del vino di questo paese. Ma questi vini sono sopravvissuti alla storia e, questa volta, il loro futuro è roseo. 


____________________

Assaggia un sorso di questa scandalosa storia vinicola nelle nostre aste di vini oppure registrati come venditore con Catawiki (ma niente antigelo, per favore!). 


Scopri altro vino | porto e vini liquorosi


Potresti trovare interessanti anche questi articoli:


Tutto ciò che devi sapere sul vino biologico

Come riconoscere una bottiglia di vino falsa

Le modeste origini del più costoso vino di Bordeaux



Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!