Storia

Superfan: la storia di come Polaroid è tornata in vita

Scritto da Beulah | 29 aprile 2020

I primi anni 2000 furono un periodo difficile per gli appassionati di macchine fotografiche classiche. Le fotocamere digitali prodotte in serie avevano reso la fotografia accessibile ad una legione di nuovi appassionati, ma per un momento era sembrato che a pagarne il prezzo sarebbero stati i marchi di fotocamere analogiche istantanee. Polaroid fu una delle prime vittime: il suo prestigio legato alla cultura pop non era sufficiente a salvare i margini di profitto dell’azienda in difficoltà. Per fortuna i fan della Polaroid avevano altro in mente. Questa è la storia di come la Polaroid è tornata in vita.


La nascita di Polaroid

La Polaroid Corporation fu fondata nel 1937 da Edwin H. Land. Scienziato e inventore, Land sviluppò il polarizzatore Polaroid – un foglio di plastica intriso delle sostanze chimiche per lo sviluppo delle fotografie. Questo significava che con il semplice tocco di un pulsante, i “moderni” fotografi dell’epoca potevano evitarsi il lungo processo di sviluppo delle foto e creare invece un’immagine praticamente istantanea.

La vita di Polaroid

Land è stato l’amministratore delegato di Polaroid Corporation per oltre quarant’anni e per la sua combinazione di leadership e innovazione viene spesso paragonato ad un altro amministratore delegato di grande successo: Steve Jobs. Tuttavia, numerosi lanci falliti (tra cui una videocamera istantanea chiamata Polavision) portarono la Polaroid Corporation in difficoltà e, dopo le dimissioni di Land, una serie di fallimenti e di acquisizioni costrinse l’azienda ad entrare nel XX secolo in condizioni critiche.

Durante gli alti e bassi dell’azienda, la pellicola Polaroid continuava ad attirare fan di alto profilo e ammirazione dal grande pubblico. Artisti come Andy Warhol, Lucas Samaras e Marie Cosindas esploravano le potenzialità dei ritratti Polaroid, The Rolling Stones cantavano “Yeah, I heard about you Polaroids”, Thelma & Louise avevano una Polaroid in viaggio, Heather Graham e Winona Ryder brandivano Polaroid come armi in Boogie Nights e Beetlejuice. Le Polaroid erano ovunque e non passò molto prima che il nome diventasse sinonimo di fotografia istantanea.

Un’esposizione di fotocamere Polaroid vintage in vendita.

La morte di Polaroid

Tuttavia, la Polaroid faticava a tenere il passo con le nuove fotocamere digitali e, in pessime condizioni finanziarie, nel 2007 l’azienda annunciò che avrebbe cessato la produzione di fotocamere commerciali. Tre fabbriche furono lasciate aperte per creare pellicole Polaroid per gli utenti che avevano già fotocamere Polaroid, ma anche queste fabbriche ben presto chiusero, nel febbraio 2008. Queste chiusure portarono ad uno slancio di sostegno da parte dei fan della Polaroid.

Una petizione online per tenere aperte le fabbriche di macchine fotografiche raccolse oltre 30.000 firme, mentre le comunità di fotografi inviavano centinaia delle loro Polaroid preferite alla sede centrale della società. Furono fatti degli appelli ai produttori di pellicole rivali per creare pellicole alternative che funzionassero con le Polaroid – tutto questo, purtroppo, non servì a nulla. Le fabbriche furono chiuse e oltre 450 lavoratori licenziati. Per un po’ i proprietari di macchinette Polaroid furono lasciati in balia degli eventi a perlustrare i negozi di fotografia locali e i forum specializzati online nel frenetico tentativo di acquistare le ultime pellicole Polaroid.


Il ritorno di Polaroid

L’ultimo stabilimento Polaroid chiuse nel febbraio 2008. Tra il piccolo gruppo di appassionati che avevano deciso di assistere alla chiusura c’erano Florian Kaps e André Bosman. Più tardi, mentre commiseravano la scomparsa della loro macchina fotografica preferita, Kaps e Bosman si resero conto che la fine non era ancora scritta. In collaborazione con Marwan Saba, fondarono l’Impossible Project. Con un po’ di fortuna e tanto crowdfunding, Impossible Project si mise a creare e vendere la propria versione della Polaroid.

Poiché i macchinari della fabbrica chiusa della Polaroid furono messi all’asta, i fondatori di Impossible Project riuscirono a raccogliere abbastanza soldi per comprarne una parte. Aprirono anche un negozio in alcuni dei vecchi edifici della fabbrica originale, rivolgendosi ai fan della Polaroid in tutto il mondo affinché li aiutassero a trovare la pellicola Polaroid perfetta... o almeno qualcosa che non trasudasse olio, non iniziasse a far fumo e non distruggesse le macchine fotografiche. A maggio 2017, l’Impossible Project fu in grado di acquisire il marchio e la proprietà intellettuale di Polaroid, consentendo così a Impossible Project di essere ribattezzato Polaroid Originals. Ed è così che si chiude il cerchio della storia di Polaroid. Da Polaroid a Impossible e poi di nuovo a Polaroid. 

Pellicola Impossible Project, prima di acquisire il marchio Polaroid.

Il potere dei fan

Se da un lato questa storia ha un lieto fine, dall’altro segna anche l’inizio di qualcosa di molto più grande e potenzialmente dirompente per il mercato commerciale. La Polaroid era un marchio e un’azienda priva di prospettive commerciali, ma i fan della Polaroid hanno ribaltato la situazione e hanno fatto una dichiarazione potente: l’amore per un marchio può essere più importante – sia simbolicamente che praticamente – del denaro. Questo rappresenta una sfida interessante per altri superfan e solleva interrogativi su quali altri marchi vorremmo riportare in vita.


____________________

Vuoi anche tu possedere una tua fotocamera Polaroid? Dai un’occhiata alla nostra più recente asta di fotocamere oppure, se ne hai già una, prendi in considerazione l’idea di registrarti come venditore su Catawiki.

Scopri altre fotocamere analogiche | Polaroid


Potrebbero interessarti anche:

Tutto ciò che devi sapere per investire nella fotocamere analogiche

Qual è il valore della tua vecchia macchina fotografica Polaroid?

In che modo George Eastman di Kodak ha reso la fotografia alla portata di tutti

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!