Storia

La storia degli smeraldi con tre donne iconiche

Scritto da Tom | 29 novembre 2019


Gli smeraldi hanno una lunga storia che li lega alle donne. Queste sensuali pietre verdi – che si pensa siano 20 volte più rare dei diamanti – erano la pietra portafortuna della dea greca Venere e il gioiello preferito della regina dell’Antico Egitto, Cleopatra. Queste luccicanti pietre verdi hanno mantenuto intatto il loro fascino per secoli, continuando a sedurre le donne di tutto il mondo. Con l’aiuto dell’esperta di pietre preziose, Naomi Howard, scopriamo la storia degli smeraldi e delle donne che devono ringraziare per il loro fascino.


Cleopatra


Forse la più fervente sostenitrice degli smeraldi, Cleopatra adorava questi gioielli. Ma questo suo amore era già una caratteristica intrinseca delle credenze e dell’epoca dell’Antico Egitto. «Le prime miniere di smeraldo conosciute furono ritrovate in Egitto già nel 330 a.e.v. (molto prima del regno di Cleopatra)» dice Naomi. «Questo contribuì alla passione di lunga data di questo paese per gli smeraldi. Infatti, la stessa Cleopatra era talmente ossessionata dai diamanti che si ritiene avesse rivendicato la proprietà di alcune delle miniere che appartenevano ai Greci, poiché voleva quei gioielli tutti per sé».


L’Antico Egitto era la patria degli smeraldi, ma il loro diffuso fascino non derivava solo da qui. «Il loro colore verde intenso rappresentava rinascita, fertilità, potere e, cosa più importante, eterna giovinezza» spiega Naomi. Gli smeraldi venivano utilizzati nei rituali di sepoltura come richiamo alla giovinezza e si credeva che potessero anche curare le malattie degli occhi, forse in relazione alla loro presunta capacità di chiaroveggenza. Cleopatra contribuì a confermare le proprietà magiche di questi gioielli e ad avvolgerli in un alone di regalità che li ha accompagnati per secoli. «Si dice che Cleopatra avesse persino l’abitudine di presentare ai dignitari in visita un dono particolare – una grande rappresentazione di sé, intagliata in grandi smeraldi» dice Naomi. 


Elizabeth Taylor


Elizabeth Taylor una volta disse: “Adoro indossare pietre preziose, ma non perché le posseggo. Non si può possedere la radiosità, si può solo ammirarla”. Infatti, Elizabeth Taylor era così affascinata dai gioielli che il suo nome è diventato quasi sinonimo di smeraldi. Al momento della sua morte, era famosa per avere una delle collezioni private di gioielli più costose al mondo. Uno dei suoi pezzi più preziosi era la collana di diamanti con smeraldi incastonati. Questo splendore conteneva 16 smeraldi colombiani ottagonali con taglio a gradino, tutti avvolti da diamanti a pera.


In una storia dal fascino d’altri tempi, si diceva che la collana di smeraldi fosse una regalo di fidanzamento a Elizabeth Taylor da parte del suo fidanzato dell’epoca, Richard Burton, dopo il loro incontro sul set di Cleopatra. Se lo spirito e la passione di Cleopatra siano stati ereditati da Elizabeth Taylor quando interpretava il ruolo della regina egiziana rimane un mistero, ma l’amore dell’attrice per gli smeraldi era altrettanto straordinario e la portò a collezionare un intero set di gioielli di smeraldi Bulgari. Elizabeth Taylor incarnava la bellezza che vedeva negli smeraldi e mentre questi venivano venduti all’asta (la collana per milioni), per Elizabeth non era semplicemente questione di denaro. “Non ho mai considerato i miei gioielli come trofei. Io mi limito a prendermene cura e ad amarli: noi non siamo altro che custodi temporanei della bellezza.”



Elizabeth Taylor aveva un’intera parure di gioielli di smeraldi – completa di anello, ciondolo e spilla


Principessa Diana


Cleopatra ha dato agli smeraldi le loro radici regali nell’Antico Egitto e la Principessa Diana ha contribuito a consolidare questa relazione nel XX secolo. Si sa, Diana indossava spesso zaffiri, ma uno dei suoi gioielli più famosi era in realtà un girocollo di smeraldo Art Déco. Indossato per la prima volta dalla Regina Maria all’inizio del 1900, fu regalato a Diana dalla Regina Elisabetta II. Indossò questo gioiello in molte occasioni eleganti della famiglia reale, adattò persino il girocollo come una sorta di fascia per capelli: un ulteriore esempio di come la principessa volesse integrare la regalità e la tradizione nel mondo moderno. L’apparizione emotivamente più significativa del girocollo fu forse al suo 36º compleanno, quando lo indossò per l’ultima volta come collana, prima della sua prematura morte due mesi dopo. 


Diana era simbolo di grazia e benevolenza, e ha contribuito a confermare la stretta relazione tra diamanti e famosi volti femminili. Gli smeraldi di Cleopatra rappresentavano il potere e quelli di Elizabeth Taylor la bellezza. Gli smeraldi di Diana erano invece un ulteriore accessorio affinché potesse mostrare al mondo la sua unicità e peculiarità. 


____________________

Dai un’occhiata alla nostra più recente asta di pietre preziose oppure registrati come venditore su Catawiki.

Scopri altre pietre preziose | diamanti


Potrebbero interessarti anche:





Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito