Tendenze

Cosa ci riserva in futuro il mercato dell’arte moderna?

Scritto da Beulah | 12 settembre 2019

Gli acquirenti di arte moderna si stanno spostando online e le case d’asta tradizionali devono trovare nuovi e innovativi metodi per attirare gli acquirenti della generazione dei millennials e generazione Z, mentre gli artisti scelgono sempre più spesso di vendere le proprie opere. E la street art sta cambiando la natura stessa del nostro modo di pensare alla forma e alla proprietà. Con tutti questi cambiamenti e tanto altro ancora che ci aspetta, abbiamo chiesto agli esperti di arte moderna Cécilia Chol, Blanca Marsal e Antia Helmy di raccontarci le tendenze che stanno attualmente trasformando il mercato dell’arte moderna.

Evoluzione della casa d’aste

Cécilia Chol è un’esperta di arte moderna che ha passato tre anni a lavorare presso la prestigiosa casa d’aste Artcurial a Parigi. Il passaggio da Artcurial ad un sito di aste puramente online come Catawiki le ha dato una visione unica del modo in cui Internet sta cambiando le aste d’arte. «Il mercato tradizionale [dell’arte moderna] soffre regolarmente di una mancanza di offerta e sembra aver raggiunto i suoi limiti strutturali», spiega Cécilia. «Le case d’asta tradizionali hanno difficoltà a conservare i loro margini, poiché sono obbligate a proporre commissioni più retrospettive per avere pezzi di alta qualità».

Questa è una delle ragioni dell’impennata delle aste online, dice Cécilia «Il mercato dell’arte moderna deve orientarsi verso una modalità di vendita online. Sebbene esistano numerosi aggregatori d’aste online, alcune case d’asta europee hanno già sviluppato una propria piattaforma dedicata esclusivamente alle aste online. La tendenza è massiccia. Lo scopo è quello di riempire il vuoto che inevitabilmente emerge quando numerosi oggetti non possono più essere offerti in una sala d’aste a causa della logistica richiesta e dei costi elevati dei cataloghi, accanto alle mutevoli esigenze di una nuova generazione di acquirenti e venditori».

Un risultato ovvio di questo cambiamento è stato il passaggio alle Anteprime Online Esclusive. Tradizionalmente, le case d’asta di arte offrivano ad alcuni selezionati acquirenti la possibilità di avere un’anteprima dell’opera prima dell’asta. Oggi, è altrettanto probabile che tu riceva un invito via e-mail ad un sito di aste private. A Catawiki organizziamo da un anno esclusive anteprima d’asta nelle nostre categorie di Arte Moderna, Fotografia e Arte Classica. Mentre i vantaggi per gli acquirenti e i visitatori sono chiari (ad esempio, la possibilità di studiare da vicino i lotti di alta qualità prima di fare un’offerta), i vantaggi per le imprese sono ancora in fase di esplorazione.

Un ragazzo fotografa la Street Art di New York

Pittura e arte digitale I.A.

Anche le opere d’arte di Intelligenza Artificiale (opere d’arte create da computer) stanno sconvolgendo il modo in cui collezioniamo e interagiamo con l’arte moderna. Questa tendenza è in parte favorita dall’emergere della street art come importante protagonista nel mondo dell’arte contemporanea. Non solo dobbiamo riformulare la nostra definizione di street art, che si sposta dalle strade alle gallerie tradizionali (un argomento trattato in questa intervista con l’esperto di street art Ard Doko), ci troviamo anche di fronte a domande più ampie riguardanti la forma e la proprietà.

«Nel prossimo decennio, le stampe diventeranno sempre più significative man mano che la street art incrementerà la sua presenza sul mercato e i dipinti di I.A. diventeranno sempre più popolari» spiega Cécilia. «Come risultato, la cultura si trasformerà così tanto che non andremo più alle mostre d’asta. Invece, navigheremo online e le mostre diventeranno multi-modello con programmi definiti. In definitiva, questo significherà allontanarsi dalle semplici mostre non guidate e i curatori si impegneranno maggiormente per arricchire l’esperienza dei collezionisti».

Collezionisti millennials e della generazione Z

Blanca Marsal è incuriosita da come i collezionisti della generazione dei millennials e generazione Z hanno trasformato i mercati d’arte tradizionali. «La perturbazione del mercato dell’arte va avanti da un po’», spiega. «Questo era praticamente impensabile una decina di anni fa. Il mercato è stato completamente globalizzato. L’arte è sempre stata vista come qualcosa di riservato e privato, mentre ora è decisamente più accessibile a tutte le tasche e tutte le età».

Un recente rapporto sulle tendenze nel mercato dell’arte moderna supporta l’analisi di Blanca. Il rapporto ha rilevato che il 23% dei collezionisti d’arte della generazione dei millennials ha acquistato online la sua prima opera d’arte e il 29% dei collezionisti preferisce acquistare arte online piuttosto che in uno spazio fisico, come una galleria o una fiera d’arte. Le case d’asta devono trasformarsi e adattarsi alle esigenze delle nuove generazioni.

Cécilia elabora: «Per i millennials, queste recenti tecnologie creano nuovi modi di sperimentare e acquistare arte. Di conseguenza, continuano ad emergere nuovi modelli di business come aggregatori, piattaforme online, ecc. Inoltre le aste d’arte, le fiere e i musei stanno creando programmi ed eventi rivolti specificamente ai giovani collezionisti».

La creazione, vendita e acquisto di arte si sta spostando online

Artisti che vendono la loro arte autonomamente

Anche il tipo di persone che vendono arte sta cambiando. Come sottolinea Blanca: «[Gli esperti d’arte] assistono ad un aumento del numero di giovani artisti che promuovono autonomamente il loro lavoro attraverso i social media. L’eterogeneità dei venditori ha portato ad una chiara tendenza, attesa da tempo, a favore di artisti femminili e di colore. Anche i musei d’arte tradizionali stanno recuperando questa tendenza, come il Prado che ad esempio espone due artiste del XVI secolo».

In quanto lei stessa artista, l’esperta di arte moderna Anita Helmy ha una chiara visione d’insieme di entrambi i lati della medaglia, compresi i frutti che gli artisti stanno iniziando a raccogliere. «Ci sono molti artisti che preferiscono vendere le proprie opere online. In questo modo possono avere un maggiore controllo sul modo in cui le loro opere vengono valorizzate e promosse, rispetto a punto sarebbe accaduto in una galleria tradizionale. Un chiaro esempio è Andrea Giorgi. Ha iniziato a vendere edizioni aperte o grandi edizioni. [Catawiki] gli disse che era meglio ridurre l’edizione e renderla più speciale. Adesso, ogni anno, partecipa ad aste per venditore unico, esclusivamente con opere in edizione limitata».

____________________

La collezione autunnale 2019 d’arte di Catawiki è in corso e pronta ad essere esplorata. L’esclusiva asta di arte moderna, asta di fotografia e aste di arte classica apriranno alle offerte dal 20 al 29 settembre.


Scopri altra arte moderna | pop art | street art

Potrebbero interessarti anche:

Come gli esperti valutano l’arte moderna

In che modo le aste online stanno cambiando la street art

Gli artisti di strada da tenere d’occhio nel 2020

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 65.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito