Ispirazione

Ritrovamenti fantastici: Una saliera di Limoges estremamente rara

A cura di Simone | 22 novembre

A Catawiki cerchiamo sempre di inserire nelle nostre aste gli oggetti più speciali e insoliti. A partire dal 30 novembre, includeremo un’antica saliera di Limoges davvero superba nelle nostre aste. La nostra esperta di antiquariato, Desi van Rhee, ci spiega cosa rende così speciale questa saliera.

Ci sono ancora tanti tesori da scoprire in questo mondo, come dimostra questa piccola e speciale saliera. Gli attuali proprietari hanno trovato questo tesoro accuratamente avvolto e nascosto in una scatola di scarpe, mentre pulivano la casa del loro defunto zio. All’inizio non avevano idea di che tipo di oggetto si trattasse ma, dopo alcune ricerche tra i documenti dello zio, si sono imbattuti nella registrazione del catalogo originale e nella fattura sia della casa d’aste che dell’antiquario. In quel momento hanno capito di aver trovato qualcosa di davvero speciale.


La saliera smaltata di Limoges con un profilo di donna in abito classico - Francia - seconda metà del XVI secolo (Maestro I.C. (bottega attiva intorno al 1550-1615)). Monogramma I.C. nella parte inferiore del piede; smalto parzialmente decorato con doratura e grisaglia su metallo (probabilmente rame). 13 cm di altezza.

Smalti di Limoges

La saliera è realizzata in smalto di Limoges, il che significa che è stata prodotta da fabbriche vicino alla città di Limoges in Francia. Gli smalti di Limoges erano considerati prodotti di lusso nel XVI e all'inizio del XVII secolo e il loro possesso era in gran parte riservato alla classe nobile. Benché con design pratico, un oggetto come questa saliera non sarebbe stato usato a tavola, ma esposto nella camera delle meraviglie come simbolo della ricchezza e della raffinatezza del proprietario. Questa saliera è dipinta con lo stemma della famiglia Rouveyre del Delfinato (Francia) ed è stata probabilmente realizzata su commissione.

Nella parte inferiore del piede, la saliera reca il monogramma I.C., indicazione del fatto che è stata prodotta dall’eponimo smaltatore di Limoges. L’identità del marchio di questo produttore è stata a lungo oggetto di dibattito tra gli studiosi e rimane ancora in parte irrisolta. Tradizionalmente associato al nome di Jean de Court, si ritiene che il marchio sia stato utilizzato da un’importante manifattura che ha operato per diversi decenni, dalla metà del XVI all’inizio del XVII secolo, e che pare sia stata gestita successivamente da smaltatori sotto il nome di Jean de Court.

Con la sua forma caratteristica e lo schema decorativo della grisaglia (pittura monocromatica nei toni del grigio), questa saliera è infatti un prodotto caratteristico del laboratorio del maestro I.C. Diversi esempi di questo raro tipo di oggetto si trovano in alcune collezioni, tutti con lo stesso schema decorativo di base. La saliera danneggiata al Louvre (Inv. N. R263, Fig. 2) è più simile a quella che presentiamo: il profilo di donna in abito classico sul contenitore, le figure mitologiche con sembianze divine sulla ciotola e i putti che giocano con vari animali sul piedino (Fig. 1). Un’altra saliera con grisaglia di questa forma si trova a Braunschweig, anch’essa raffigurante putti e creature animali, pur mostrando un profilo di uomo in armatura classica sul contenitore (Inv. N. Lim138).

Lavori firmati I.C. sono presenti in diverse importanti collezioni di smalti di Limoges, tra cui il già citato Musée du Louvre, il Museo Herzog-Anton-Ulrich di Braunschweig, la Wallace Collection di Londra e la Frick Collection di New York. Si va da oggetti dipinti a grisaglia, solitamente databili alla seconda metà del XVI secolo, a oggetti che utilizzano la policromia e che si ritiene siano di datazione leggermente successiva.

Provenienza:

Collezione Earl of Rosebery / Baron Mayer de Rothschild, Mentmore Towers, Buckinghamshire, Inghilterra. Venduto da Sotheby’s Parke Bennet, Mentmore - Works of Art & Silver - Volume II, 1977, lotto 1147.

Acquistato presso Van der Ven Antiquairs Den Bosch, 1977.

Collezione privata nei Paesi Bassi e quindi per discendenza arrivata all’attuale proprietario.

Letteratura:

Catalogo Sotheby’s, Treasures, Londra, Luglio 2015, lotto 6.

S. Baratte, Les Émaux peints de Limoges, cat. Musée du Louvre, Parigi, 2000, pagg. 317-361.

I. Münsch, Maleremails des 16. Und 17. Jahrhunderts aus Limoges, cat. Herzog Anton Ulrich-Museum, Braunschweig, 2002, pagg. 223-234

.V. & H.V. Rollands, Illustrations to the Armorial Général, P. I CC 1.

____________________

Scopri di più antiquariato | ceramica

Potresti trovare interessanti anche questi articoli:

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 65.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito