Aste speciali

L’angolo degli ospiti: Il venditore Wolfgang Jaenicke racconta la storia che si nasconde dietro l’asta di poster di film “Bloodywood”

Scritto da Wolfgang Jaenicke 14 agosto 2018

Questa settimana cediamo metaforicamente la penna ad uno dei nostri venditori: Wolfgang Jaenicke. È lui l’uomo che si cela dietro l’asta di poster di film Bloodywood dipinti a mano che comprende 60 opere d’arte, incluse opere di Mr. Brew, che egli ha incontrato durante i suoi viaggi in Africa. L’asta si tiene dal 17 al 26 agosto 2018. Continua a leggere per seguire i viaggi del nostro venditore e scoprire cose nuove sulle opere di testimoni chiave del cinema ghanese del periodo 1990 - 2010: Mr. Brew.

__________

Chi viaggia in Africa conosce bene gli straordinari poster artistici di questo continente. Nei paesi in cui la lettura e la scrittura sono meno comuni, questi poster costituiscono dei supporti visivi. Basta dare un’occhiata al murale di fronte a un pub, un “Chapalo” il cui disegno invita gli avventori a degustare la leggendaria birra di miglio per capire a fondo di cosa si parla. Ci siamo recati in Ghana per incontrare uno dei testimoni chiave del cinema ghanese dell’epoca dal 1990 al 2010: Mr. Brew.

È a Gaoua - nella terra del Lobi, nel Burkina Faso meridionale - che ho notato per la prima volta questa “arte di strada” contemporanea africana. Dipinta da artisti praticamente sconosciuti ai più. Artisti che “non hanno pretese”, ma hanno una sensibilità incredibile per la composizione, il colore e un alto grado di valore di riconoscimento. Tutto ciò che si può trovare in gallerie e musei in Occidente, in Africa lo si può trovare in ogni angolo della strada.

Photo: Wolfgang Stäbler - Sea View Kino in Elmina, Ghana

Una particolarità di questa arte di strada, tuttavia, sono i dipinti che servivano gli innumerevoli piccoli cinema nella capitale del Ghana, Accra, Takoradi o Elmina come poster di film. Il collezionista Wolfgang Stäbler mi ha recentemente inviato una foto storica che mostra uno degli stabilimenti in cui venivano proiettati quei film, spesso realizzati con le attrezzature più semplici.

Sulla parete dell’ingresso del capannone, si può vedere l’annuncio del film “Candidates for Hell”, dipinto dal leggendario Mr. Mentre i veterani Leonardo, Awall Sunil Shetty, Papa Warsti e Armahsco sono oggi ben documentati in note collezioni private e museali, Mr. Brew era in precedenza il “punto cieco”, l'artista che tutti i collezionisti di questo genere conoscevano, ma che fino a quel momento era introvabile. Prometteva sempre di fare un’intervista, ma ogni volta continuava a non presentarsi.

Venerdì volevamo andare da Lomé ad Accra per incontrare Mr. Brew dopo un contatto con il suo intermediario. Lo avevamo trovato dopo una lunga ricerca nella regione di confine con la Costa d’Avorio presso Baba Syllas con l’aiuto prezioso di un antiquario del Nima Market ad Accra.

Mr. Brew ci aveva promesso - come aveva fatto con molti altri in precedenza - di venire ad Accra per un’intervista. Ma non eravamo affatto sicuri che sarebbe successo davvero. Due giorni dopo, venne effettivamente ad Accra per incontrarci. Ci sedemmo in un cortile con Mr. Brew ad Accra-Nima, un quartiere con i più diversi gruppi etnici e culturali dell’Africa occidentale.

Il pittore di poster Samuel (Samu ..) Brew, conosciuto come “Mr. Brew”

Organizzammo un incontro per il giorno successivo nel suo studio vicino alla spiaggia. Lo studio era costituito da una piccola baracca di 1,2 metri quadrati che mi faceva pensare al tipico armadio che serve per riporre gli utensili di pittura. Tre delle pareti prive di finestre servivano da “cavalletti” su cui erano posizionati contemporaneamente tre quadri. Sul quarto lato della “casa della pittura” (studio) di Mr. Brew c’era la porta, che si poteva chiudere con un chiodo ricurvo. «Qui sono piuttosto conosciuto... non è mai rimasto niente, anche se non ci sono ancora immagini finite appese durante la notte alle pareti della capanna».


Alla “casa della pittura” di Mr. Brew vengono creati tre poster contemporaneamente

Il cinema di Accra, per il quale Mr. Brew ha lavorato come pittore, è stato chiuso nel 2010 ed è ora crollato. Sono passati otto anni da quando un’istituzione di importanza storica è “affondata” ed è stata sostituita da altri mezzi di comunicazione quali computer, telefoni cellulari e schermi piatti. Il cinema, che ancora oggi ha un significato preciso in Occidente, non tornerà probabilmente mai più in Africa. Il cinema era un luogo d’incontro culturale con un’importante funzione sociale. Come il teatro, era un punto di incontro sociale e con la sua aura specifica di “grotta oscura e magica” nei media moderni non c'è stato nulla di simile.

Da un lato, il leggendario Mr. Brew con i suoi poster di film dipinti su sacchi di farina, è diventato una caratteristica fondamentale nelle gallerie occidentali. D’altra parte, non si conosce nemmeno il suo vero nome, non si sa assolutamente nulla della sua biografia, non si sa nulla del suo ambiente sociale in concreto, anche se questo uomo, a 45 anni, è uno dei testimoni chiave del cinema ghanese dell’epoca dal 1990 al 2010. Naturalmente, come tutti gli artisti di strada dell’Africa occidentale, è autodidatta.

Poco più che ventenne, Mr. Brew era uno dei più ricercati pittori di poster cinematografici del Ghana. Mentre l’era dei piccoli cinema urbani e dei cinema itineranti in Ghana si avvicinava alla fine, lui affrontava il declino della carriera, la depressione e una pena detentiva di due anni per complicità nel furto di un computer portatile. Dopo un anno e mezzo è stato rilasciato per buona condotta e oggi continua a lavorare nell’ambito della sua professione. Ma i tempi sono diventati duri. Poster patinati e film di successo di Hollywood hanno raggiunto anche Accra.

La situazione di questi pittori di poster è paragonabile all'arte di molti intagliatori africani, le cui sculture e maschere sono infatti collezionate nei nostri musei, anche per molti decenni, ma quasi nessuno sa della loro biografia e la valutazione si basa esclusivamente su criteri di provenienza occidentale: chi possedeva precedentemente l’oggetto in Occidente. Questi sono i criteri in base ai quali il mercato dell’arte esplora la provenienza e ciò che ha spinto gli storici dell’arte e gli antropologi a fornire quelle cornici d’oro riadattate che il mercato preferisce.

A sinistra: “The Prophet”, poster di film ghanese di Mr. Brew. A destra: Poster del film “Naked Weapon” di Mr. Brew.

Per l'artista africano in sé, purtroppo, così tanto che il resto non interessa a nessuno. “Mr. Brew” è un esempio quasi classico. Conosciamo solo il suo “nome occidentale”, che da solo basta a farne “un’arte utilizzabile”. È solo una questione di tempo prima che la sua arte raggiunga prezzi elevati nelle principali case d’asta internazionali con importanti provenienze occidentali. Ma fino ad allora, ciò che costituisce la “provenienza essenziale” che si concentra sull’artista stesso e ne rappresenta il contesto sociale, sarà in gran parte perso.

__________

Scopri la nostra speciale asta di poster di film ghanesi originali Bloodywood per trovare opere bellissime e uniche di Mr. Brew e altri artisti.

Scopri di più Poster di film | Poster | Arte moderna

Potresti trovare interessanti anche questi articoli:

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!