Ispirazione

Le origini e la storia del successo dei primi libri stampati: gli incunaboli

Sapevate che il primo libro stampato in serie utilizzando la tecnica di stampa a caratteri mobili fu la Bibbia di Gutenberg nel 1455? Come potrete immaginare, un’edizione completa di questo libro sarebbe venduta per svariati milioni all'asta. Questi primi libri stampati prima del 1500 sono comunemente noti come incunabuli. Anche se una Bibbia di Gutenberg completa non viene messa all'asta da anni, appaiono nelle aste altri incunaboli che possono essere altrettanto interessanti e decisamente preziosi. Oggi risponderemo a qualche domanda sugli incunaboli: da dove arrivano e quanto successo hanno nella nostra asta di libri settimanale? Scopritelo qui!


Storia delle origini
Il termine "incunabolo" si riferisce ai libri stampati prima del 1500 utilizzando la lega tipografica. Questo non vuol dire che a partire dal 1501 gli incunaboli si siano estinti e lo stile dei libri sia cambiato drasticamente: la data per definire il periodo è stata scelta, prima di ogni altra cosa, per comodità. Il termine deriva dal latino e significa "culla" o "origine". In realtà è entrato nell'uso comune solo intorno al 1640, bicentenario dell'invenzione della stampa.

Lo sapevevate che...
...i produttori più influenti di incunabuli erano l’Italia, che monopolizzava il mercato di testi legali e scientifici, e i paesi di lingua tedesca, che producevano i testi religiosi più stampati? Gli incunaboli venivano prodotti in minore quantità anche in Francia, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi e Inghilterra.

3 risultati d’asta su Catawiki
Questi libri diversi e rari si trovano occasionalmente nelle aste di libri di Catawiki e benché non raggiungano il prezzo di una Bibbia di Gutenberg, si vendono comunque piuttosto bene. L’anno scorso, sono stati venduti alcuni esemplari eccezionali nella nostra asta di libri. Il primo è questa copia della "Summa Angelica de Casibus Conscientiae" che fu stampata da Georgius Arrivabenus il 4 giugno 1492, a Venezia. Arrivabenus iniziò a stampare con Bernardinus Benalius e Paganinus de Paganinis nel 1483, ma dal 1484 cominciò a stampare incunaboli per conto suo e ne stampò circa 50 indipendentemente. Martin Luther bruciò una copia della Summa, che chiamava Diabolica, in una protesta contro la disciplina penitenziale cattolica nel 1520. Anche se quel che resta delle pagine carbonizzate da questa protesta sarebbe una straordinario ritrovamento storico, una copia intatta di questo testo è apparsa nella nostra asta di libri. Riuscite a indovinare la cifra a cui è stato venduto? La risposta è qui.


"Summa Angelica de Casibus Conscientiae"

Inoltre, vogliamo mettere sotto i riflettori questo raro commentario su Aristotele (mostrato sulla sinistra), la prima e unica edizione incunabolo, pubblicata nel 1489. Indovinate un po' a quanto è stata venduta? Scopritelo qui.  Hanno avuto un ottimo risultato finale queste 2 rare opere parigine rilegate insieme in un unico volume e pubblicate nel 1494. Hanno raggiunto un prezzo più alto, più basso o uguale rispetto al commentario? Scopritelo qui.


A sinistra: commentario su Aristotele - A destra: 2 rare opere parigine

Anche se raro, non è impossibile trovare all'asta un incunabolo. Perciò, sia che vogliate aggiungere uno di questi libri stampati originali alla vostra biblioteca personale, sia che vogliate venderne uno e cercare di scalare la nostra classifica dei migliori risultati, la nostra asta di libri è il luogo ideale. Potete registrarvi qui per diventare venditori e iniziare a offrire oggi all'asta i vostri libri.

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 65.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito