Consigli per la vendita

Superfan: gli oggetti dell’universo Pokémon che hanno mantenuto il loro valore

Scritto da Tom | 12 febbraio 2020


Se ti sei perso la recente rinascita dei Pokémon negli ultimi anni, basta dare un’occhiata al gioco per dispositivi mobile Pokémon Go per comprendere il costante impatto sul mercato di questo franchise. Nel 2019 il gioco è stato scaricato oltre un miliardo di volte e, ironicamente, ha avuto il merito di rendere i suoi utenti più attivi per via del fatto che il gioco è basato sulla posizione. Pokémon è solitamente associato ai videogiochi, ma le sue figurine piene di affascinanti creature sono state la delizia dei collezionisti sin dalla loro uscita nel 1996. L’esperta di videogiochi, Diana van der Valk, ci accompagna in un viaggio alla scoperta degli oggetti da collezione Pokémon più ambiti e ci spiega perché il valore di tanti è rimasto intatto.


Carte Pokémon in edizione limitata


Se sei alla ricerca di collezionabili Pokémon che hanno mantenuto il loro valore, la cosa migliore da fare è tornare alle origini. Pokémon fu creato da Satoshi Tajiri, il cui amore per gli insetti ha ispirato la serie di videogiochi. Oggi queste creature immaginarie sono stampate su carte collezionabili, che in alcuni casi specifici hanno un valore di migliaia di euro.


Una carta Raichu d’anteprima può raggiungere migliaia di euro


In questi casi, è tutta una questione di rarità. Una carta Racihu d’anteprima, la forma evoluta di Pickachu, con il relativo adesivo d’anteprima, può valere più di 8.000 euro, dato che ne sono state realizzate solo 11. Anche la lingua di una carta può giocare un ruolo importante: 


«La carta Charizard inglese è una delle carte più preziose in qualsiasi lingua (la cui valutazione raggiunge i 10.000 euro), in quanto era disponibile solo attraverso una campagna “Trade Please” in cui appassionati e collezionisti di Pokémon dovevano inviare due carte Pokémon, ricevendo in cambio una carta allenatore e una Charizard», dice Diana. «Senza dimenticare le carte olografiche e le espansioni ancora sigillate, perché anche queste possono avere un valore considerevole».



Charizard è uno dei beniamini intramontabili, quindi tieni d'occhio le varianti esclusivamente inglesi


Carte da torneo Pokémon GCC


Benché sia meno probabile incontrarle, le carte Pokémon regalate o vinte durante i tornei sono oggetti da collezione molto apprezzati dai collezionisti. Basti pensare alla figurina Magikarp Tamamushi University: questa edizione speciale della creatura marina fu resa disponibile solo per il secondo giorno del torneo Tamamushi University del 1998 a Osaka. «Ne sono state create circa 50 e il valore di queste carte è di circa 12.000 euro» dice Diana. Non male per un Pokémon la cui mossa esclusiva è “Splash” – nota per non avere, letteralmente, alcun effetto.



Sono state create solo 50 carte del Magikarp Tamamushi University


Simile alla carta Magikarp è la carta premio della Championship Arena, consegnata ai partecipanti ai Campionati Mondiali Pokémon GCC del 2005. In particolare, i collezionisti cercano queste carte in condizioni pari al nuovo. Il motivo è che gli organizzatori, nel tentativo di sorprendere i concorrenti, facevano scivolare i libretti contenenti le carte sotto la porta delle camere d’albergo. Ma il metodo con cui questo avveniva era meno clandestino e più sbadato del previsto, causando il danneggiamento di varie carte. Anche i libretti in cui venivano inserite le carte le danneggiavano quando veniva applicata una certa pressione, per cui una figurina della Championship Arena in condizioni eccellenti è incredibilmente rara.



Cerca le carte Championship Arena in condizioni pari al nuovo


Console e giochi Pokémon



Da qualche tempo Nintendo e Pokémon collaborano e distribuiscono console a tema Pokémon. Come ogni altra console, alcune valgono più di altre. Soprattutto quelle in edizione limitata o speciale. Infatti, una delle console più rare è quella precedente alla proprietà di Pokémon da parte di Nintendo – l’edizione Pikachu di Sega Pico. Distribuita negli anni ‘90 in Giappone, la console veniva realizzata con il volto di Pikachu su tutta la superficie. Un oggetto davvero raro e grazioso. 


Torniamo a Nintendo, l’edizione ‘64 – in particolare la versione Pikachu – ha ancora un bel valore. In Nord America ai giocatori veniva regalato un Nintendo 64 blu elettrico con la faccia di Pikachu, ma la versione arancione mandarino del Giappone è diventata un vero e proprio oggetto da collezione. Anche se non vuoi separarti dalla tua amata console, tieni a mente che oggi vale centinaia di euro.



La carta Pokémon Illustrator è ritenuta la carta più preziosa di tutte


Se sei interessato al prodotto più costoso della serie, la carta Pokémon Illustrator è la scelta giusta. Questa carta fu assegnata nel gennaio 1998 ai vincitori del CoroCoro Comic Illustration Contest, un concorso speciale per illustratori chiamati a disegnare immagini per le carte Pokémon. Si ritiene che ne esistano ancora solo sei, per un valore di circa 46.000 euro.


____________________

Corri a rovistare nella tua collezione e scopri sei li hai davvero acchiappati tutti oppure registrati come venditore qui


Scopri altre figurine | computer e videogiochi


Potrebbero interessarti anche:


Nintendo e la moda delle musiche per videogiochi

130 anni di amore per Nintendo

Come determinare il valore di console Nintendo vintage

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 50.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati adesso!