Storia

Dalla cabina al bikini: I costumi nei secoli

Poiché le giornate diventano più lunghe e le vacanze estive si avvicinano, probabilmente non vedi l’ora di goderti dei giorni al mare e di divertirti sotto il sole. Per aiutarti a farti entrare nello spirito dell’estate, del bagno e della tintarella, è il momento di dare un'occhiata più da vicino alla storia dei costumi e come si sono evoluti nel corso degli anni. Dall'oscura “cabina” al bikini moderno, nel corso degli anni lo stile dei costumi da bagno è cresciuto mentre le sue dimensioni si sono ridotte. Leggi qui di seguito la sequenza temporale dei costumi da bagno nel corso dei secoli e scopri quanto si è evoluta questa moda.

I primi anni - XIX secolo

Mentre i primi bagnanti previttoriani facevano spesso il bagno nudi, all'inizio del XIX secolo e durante il periodo vittoriano il codice morale diventò molto più severo per quanto riguarda la pubblica decenza, il che diede il via alla nascita dei costumi da bagno. Nell’800 le donne in spiaggia e le bagnanti erano coperte quasi dalla testa ai piedi con abiti o tuniche lunghi, mentre gli uomini indossavano mutandoni di lana, uno stile che è rimasto in gran parte invariato per tutto il secolo. Per garantire che nemmeno un triangolino di pelle rimanesse scoperto, gli abiti delle donne avevano anche dei pesi cuciti sugli orli per fare in modo che il tessuto rimanesse fermo verso il basso fino a coprire le caviglie. E come se ciò non bastasse, molte delle spiagge più popolari avevano delle cabine di balneazione, delle cabine di legno, con ruote che venivano utilizzate per trasportare una donna direttamente in mare in modo che fosse totalmente protetta da occhi indiscreti.


Una donna dopo essersi cambiata nella privacy di una cabina di balneazione e quindi trasportata fino in acqua, pronta a godersi un tuffo

Forma e funzione

Il periodo in cui si veniva trasportate direttamente in acqua in una cabina di legno non durò a lungo. Agli inizi del ‘900 i costumi da bagno cominciarono a perdere un po' di tessuto e a diventare un po' più pratici. Questo è successo in gran parte grazie ad Annette Kellerman, una nuotatrice australiana da record mondiali che fu arrestata per indecenza per aver indossato un costume a un pezzo che lasciava scoperte le gambe su una spiaggia negli Stati Uniti. Mentre negli Stati Uniti ci è voluto un po' di più di tempo per abbracciare questo stile controverso, il costume a un pezzo che lasciava scoperte braccia e gambe fu accettato dalla maggior parte dell'Europa.


Il costume a un pezzo che lasciava scoperte braccia e gambe diventò un abbigliamento accettato per gran parte dell'Europa agli inizi del 1900

Viva la tintarella

Nei ruggenti anni ‘20, i bagnanti dell'epoca cominciarono a interessarsi all’abbronzatura. Questa tendenza è spesso attribuita a nient'altro che la stilista francese Coco Chanel che mostrò il suo lussuoso stile di vita e la sua cultura, forse come prova di una vita di piaceri che andava di là di un semplice tuffo in mare. Anche se l'eccessiva esposizione della pelle era ancora una grande preoccupazione, col passare del tempo le scollature hanno cominciato ad ampliarsi e la parte superiore delle cosce venne scoperta. Verso la fine degli anni ‘30 era diventato abbastanza comune per gli uomini avere il petto nudo in spiaggia. E poiché il mondo diventava più globalizzato nel periodo precedente alla seconda guerra mondiale, i costumi da bagno iniziarono ad assumere una forma molto diversa...


Bagnanti che si godono la spiaggia a Coney Island, Stati Uniti d'America nel 1936

Pin up e due pezzi

Durante la seconda guerra mondiale il razionamento del materiale portò al fatto che le parti superflue del costume da bagno vennero scartate. La popolarità del due pezzi crebbe in combinazione con il fatto che i bagnanti avevano un motivo moralmente sano per indossare qualcosa di un po' meno castigato. Negli Stati Uniti, i costumi da bagno entrarono nella coscienza nazionale con pubblicazioni come Sports Illustrated approfittando della libertà ritrovata dei bagnanti. L'ascesa delle star di Hollywood e dei poster delle pin-up continuarono a divulgare ulteriormente la moda dei costumi da bagno meno castigati e l’opinione della gente nei confronti di questa moda venne rapidamente liberalizzata.


Le star di Hollywood e le pin-up hanno continuato a promuovere dei costumi da bagno meno castigati

La nascita del bikini

Dopo la seconda guerra mondiale cominciarono ad apparire i primi bikini sulle spiagge. Presero il nome di Bikini Atoll, un sito di test nucleari americano, il nome di questo due pezzi faceva riferimento all'effetto “esplosivo” che tale indumento avrebbe avuto sullo spettatore. Il bikini è stato introdotto in uno show di moda di Parigi dallo stilista Louis Reard e concise con un periodo in cui c’era ampia disponibilità di nylon, un tessuto importante nei costumi da bagno per la sua durevolezza e la proprietà di asciugatura rapida. Più tradizionale e modesto, il costume intero è rimasto popolare, ma il successo del bikini, ulteriormente celebrato dall'esplosione di libertà sessuale del 1960, salì alle stelle. Questo ha aperto le porte alla varietà di costumi da bagno che vediamo oggi.

Il bikini più iconico di tutti i tempi è quello indossato da Ursula Andress nel film del 1962 di James Bond: “Dr No”

Il tankini prende il sopravvento

La fine del 1990 ha visto l'introduzione del tankini sulla scena dei costumi da bagno. Il tankini cercava di coniugare la flessibilità del bikini con la modestia di un costume intero, e ha funzionato. Anne Cole, stilista di costumi da bagno e magnate del settore, è considerata un’innovatrice in un campo che aveva visto poche innovazioni recenti. Il tankini è stato venduto eccezionalmente bene e rapidamente ha preso quasi un terzo del mercato dei costumi da bagno.

Il tankini di Anne Cole ha combinato la flessibilità di un bikini e la modestia di un costume intero

Oggi

Oggi vediamo una grande varietà di costumi da bagno sul mercato. Uno stile moderno popolare è il bandeaukini: un top a fascia, senza spalline (o con un cinturino al collo rimovibile) indossato con uno slip bikini. E per coloro che desiderano sfruttare al meglio le curve femminili, i costumi da bagno trikini sono i preferiti dalle donne di tutte le età, forme e taglie. Questo costume da bagno è una combinazione di un bikini e costume intero, composto da un unico pezzo di stoffa che collega la parte superiore alla parte inferiore. Lascia scoperte molte parti del corpo come i fianchi e il ventre, proprio come il classico due pezzi. Quale saranno le prossime novità sulle nostre spiagge? Per ora ci sono gli stili classici del XX secolo: costumi interi, bikini e tankini che rimangono i must have dei mesi estivi.


Siete pronti per i mesi estivi? Per dei grandi stili dai un'occhiata alle nostre aste settimanale di moda, tra cui una gamma di emozionanti look vintage e pezzi di importanti stilisti. Se stai cercando di comprare o vendere moda online, puoi creare un solo account gratuito su Catawiki. Accedi a oltre 80 categorie di asta e beneficia del nostro team di esperti interni. Per iniziare, registra gratuitamente il tuo account.

Potresti trovare interessanti anche questi articoli:

Crea il tuo account Catawiki gratuito

Ogni settimana ti stupiremo con una nuova selezione di oggetti speciali in offerta all’asta! Registrati oggi su Catawiki ed esplora le aste settimanali supervisionate dal nostro team di esperti.

Crea un account
Condividi questo oggetto
Close Created with Sketch.
Non sei ancora registrato?
Creando il tuo account Catawiki gratuito, potrai fare offerte scegliendo tra i nostri 65.000 oggetti speciali all'asta ogni settimana.
Registrati subito